lingua 7 2
powered by FreeFind

Corio Francesco Girolamo (1720ca.-1790ca.)

Scarse le sue note biografiche: nato e morto ad Abbiategrasso, percorse la carriera forense, esercitando l’arte notarile a Milano e nel 1737 fu insignito del titolo di Notaro apostolico. Dieci anni dopo divenne cancelliere del Collegio dei ragionieri. Di lui disse il Cherubini: “Fu il Corio uomo di varia letteratura fornito, ed ebbe lode singolarmente di esimio latinista. Avea sortito dalla natura un temperamento irritabilissimo, cosicché mal sapeva contenersi dal pungere altrui anche oltre il dovere; e bene spesso fu d’uopo al Senato riconvenirlo della eccessiva mordacità che ne’ suoi scritti legali lasciava trasparire.” Uomo senza peli sulla lingua, di carattere assai irritabile, trasfuse la sua mordacità anche nelle sue poche opere, che componeva a tempo perso e alle quali riservò “la funzione liberatoria del dialetto”. (Beretta) Un “dialetto”, aggiungo io, quasi identico a quello che si scrive e si dovrebbe scrivere oggi.

Sul volo areostatico fatto da D. Paolo Andreani nella sua villa di Moncucco

Catto! L’è on gran parsumm (1) de viaggià
per aria on omm cont on balon de fumm:
adess se pò benissem desusà
vicciur e post, e brusà i barch sul fiumm.

Questa sì che l’è roba de stampà
a onor di bravi ingegn e di bej lumm
ch’el mond acquista cont el speculà.
Catto, mi torni a dì, l’è on gran parsumm!

E no l’è minga vuna de quij favol
che cunta messee Ovidi, e no gh’è entraa
né magia, né fattura del diavol.

Don Paolin, col sò balon l’è andaa,
mi cred, fina al terz ciel comè san Pavol,
perchè anca lu l’è vegnuu giò incantaa.

(1) bel pensare ( lett.: presumere)

Sora l’agricoltura

Sul Milanes no gh’è terren cattiv,
siel de bosch o brughiera, che a vorè,
nol se possa redù tutt a coltiv:
l’esperienza el ne l’ha faa vedè.

Se poeù insegnass quej coo speculativ
a pientà zuccher, pever e caffè,
e fa l’insed sui sares di oliv,
ghe saravv l’India a Gorla o a Cornaré.

Ma s’el villan nol sgoeubba (oh, chì l’è el dagn!)
se nol netta el terren, se a temp nol vanga,
ven foeura di terren magher guadagn.

Boeugna fagh tegnì a ment cont ona stanga,
ch’el gran secrett de fà fruttà i campagn
el consist in bon brasc e bona ganga!

 

 

Parini Giuseppe (1729 - 1799)

Di famiglia poverissima, diventò sacerdote nel 1750 e, per campare, diede lezioni private a giovani benestanti. Professore di letteratura nelle Scuole Palatine dal 1769 insegnò eloquenza a Brera e dettò lezioni all’Accademia di Belle Arti. Fu anche redattore della «Gazzetta di Milano».Con l’arrivo dei francesi, fu nominato da Napoleone membro della nuova municipalità di Milano.
Quasi sconosciuto, è il lato vernacolare di questo grande intellettuale e poeta del ‘700. Comunemente noto ed apprezzato per i suoi lavori in lingua italiana, primo fra tutti Il Giorno, non tutti sanno che, al di là del valore effettivo delle sue opere in milanese, il Parini fu membro dell’Accademia dei Trasformati ed uno dei più strenui difensore dell’importanza e della dignità della lingua locale, la cui validità espressiva riteneva pari a quella della lingua italiana.
Più che un compositore dialettale, quindi, ne fu un convinto teorico.
Coerentemente alle sue tesi, fu amico di poeti dialettali, provocatore “costruttivo” (consigliò al Balestrieri di tradurre Anacreonte in milanese) e fu poeta dialettale lui stesso, lasciandoci alcuni sonetti. Ma, pur non paragonabili a quelle in volgare toscano, ha composto anche poesie in milanese di un certo valore.

In morte di Domenico Balestrieri

Sta flutta milanesa, on gran pezz fa,
l’era del Magg, e poeù la capité
a duu o trii d’olter, ma de quij che sa
sonà una flutta cont el sò perchè.

Lor poeù, morinn, e questa la resté
a Meneghin, ch’el l’ha savuda fa
rid e fa piang con tanta grazia, chè
l’è ben difficil de podell rivà.

Anca lu, pien de meret e de lod,
Adess l’è mort ; e quell bravo istrument
l’è restaa là in cà soa taccaa sù a on ciod.

Ragazz del temp d’adess, tropp insolent,
lassell stà in dove l’è! … No ve fee god!
Che per sonall, no basta a boffagh dent!

Rezzonico Giovanni (1789 - 1875)

Comasco, negoziante di seta onorato e generoso, si dilettò a scrivere poesie in italiano e in milanese, alcune delle quali riuscite parodie di favole notissime.

La pégora e el lòff.

On Berin, pover bestioeu,
de cinqu mes appena e on dì,
el bevevo in d’on ronsgioeu;
quand el ved a rivà lì,
tutt a on tratt, on Lòff, che, anch lù,
el se mett a lappà sù.

Figurass che tremarella
gh’è vegnuu al pover Berin,
quand el Lòff, per fa quarella,
el ghe dis: «O biricchin,
cossa l’è sta creanza porca
de famm l’acqua tutta sporca?»

« Oh, scior Lçff, cossa el me dis !?
Lu l’è in alt, mi sont abbass….
Sicchè, donca, m’è duvis
che lu el disa inscì per spass!»
«T’ee sparlaa (el ghe torna a dì)
Ses mes fa, sossenn de mi!»

« Ses mes fa !?.. Ma se hoo compii
i cinqu mes appenna adess!»
«Ben: to pà el m’ha maledii…
Ti e to pader l’è l’istess!»
E, senz’olter dagh a ment,
el le sbranna in sul moment.

Se côr semper di pericol
a trattà coi prepotent!
El pess gross el mangia el piccol !...
Chi periss l’è l’innocent.
Tegnii a ment sta mia parolla:
« Hin i strasc che va alla folla!»


 
 

.Argomenti correlati

 

 

Iscrivetevi alla newsletter !!

riconosciMI - il quiz della Credenza su Milano

Milano che non va - proteste a fin di bene

 
Creazione :4/2007
Ultimo agg. :4/2007